domenica 30 dicembre 2007

Radiohead. Video. Capolavoro.

Radiohead - Jigsaw falling into place




Attenti alla nausea.

sabato 29 dicembre 2007

John Frusciante è rimasto nel gruppo.

Nel 1991, quando pubblicarono l'album Blood sugar sex magik, i Red Hot Chili Peppers entrarono improvvisamente nel firmamento del rock. Smisero di esibirsi in piccoli locali e cominciarono a fare concerti negli stadi. Vinsero un Grammy, conquistarono la vetta della classifica dei singoli e vendettero milioni di dischi. Davanti a tutto questo successo, il chitarrista John Frusciante perse la testa. Era sempre stato un artista indipendente fedele alla sensibilità del suo pubblico underground, e far parte di un gruppo così popolare lo imbarazzava. Così, nel bel mezzo del tour, abbandonò i compagni. Potresti trovarti in una situazione simile nel 2008, Ariete. Sceglierai di rimanere nella tua nicchia o accetterai l'invito a diventare un vero professionista?

Per questo scorcio di fine anno il caro Brezsny si lancia in un'ardita previsione che mi coglie davvero con il sorriso sulle labbra.. e se davvero si presentasse l'occasione di cambiare la mia vita con un successo improvviso e grandioso, difficilmente abbandonerei l'impresa.

E speriamo che sia di buon auspicio.

StackTrace: geek in salsa italica

Nel panorama geek italiano, spesso avaro di eccellenza o addirittura di normalissima competenza, da qualche giorno riluce una nuova figura: si tratta di StackTrace, nuovo "aperiodico di resistenza informatica".
Nato dall'idea di Antonio Cangiano e portato avanti da un folto team, si propone come l'italica alternativa ai grandi blog internazionali in cui i migliori professionisti IT discettano dell'ultimo framework Python o dell'ortogonalità degli operatori dell'ultimo linguaggio.

In particolare, è bello vedere che l'originalità dei contributi è unito ad uno standard qualitativo parecchio elevato: sono davvero tanti gli articoli che si leggono con piacere, specialmente se si è appassionati di programmazione, di ingegneria informatica o semplicemente un po' smanettoni, ma con criterio. E il tutto è condito da una consistente dose di ironia, come rivelano i piccoli episodi a fumetti che compaiono tra gli articoli, nella migliore tradizione di xkcd.

Quindi, cosa state aspettando? Aggiungetelo subito ai vostri feed!

venerdì 28 dicembre 2007

Starbucks in Italia? No, grazie!

Il britannico Financial Times riporta la recente rinuncia della multinazionale americana del caffè Starbucks al mercato italiano (qui la notizia dal Corriere).

Il motivo è semplice: sarebbe impossibile competere con i bassi costi dell'espresso al bar e con la velocità con cui noi italiani pretendiamo il servizio della tazzina fumante dal nostro barista di fiducia.

E, aggiungo io, semplicemente non so cosa farmene di quasi mezzo litro di brodaglia scura e bollente, quando tutto quello che mi serve tra una lezione universitaria e un'altra è semplicemente la mia minuscola, ma essenziale, dose di gustosissima caffeina.

Senza zucchero, è ovvio.

[UPDATE: E pensare che c'è qualcuno che non è della mia opinione... e magari sarebbe anche interessato ad una petizione online per portare il marchio della sirena nel Belpaese.]

lunedì 24 dicembre 2007

E dire che non ho mai visto la nebbia a Londra.


Foto: _RedDeath



La nebbia è scesa così repentinamente che non ci siamo nemmeno accorti della lenta transizione tra la luce e la caligine, tra la perfetta visibilità e l'indistinto sfocato che ci troviamo dinanzi.

Improvvisamente il mio piccolo paesino è sparito, inghiottito da questa nuvola un po' sbadata che ha lasciato il gelido cielo per riscaldarsi un po' sulla nuda terra. Non vedo la casa di fronte, guardo fuori dalla finestra e vedo solo aloni luminescenti dove prima c'erano lampioni, eteree folate di vapore ondeggiare dove prima passavano i bambini imbaccucati contro il freddo.

E' difficile spiegare ad un siciliano la nebbia, non è un fenomeno facilmente osservabile. Ma nel mio pezzo di Sicilia siamo al di fuori delle normali categorie metereologiche, e può capitare anche la neve, la gelata mattutina, la nebbia diuturna.
Ed è parimenti difficile raccontare dell'ovatta che avvolge i sensi, i rumori più lievi assorbiti dal vapore, la vista che viene a mancare, il disorientamento nei luoghi più familiari.

Quando si è dentro la nebbia è come vivere in un segreto, in cui è dolcissima la complicità ed è tremenda la solitudine. Ed è per questo che mi piacerebbe tanto, vivere la nebbia con te, insieme a te. Potersi tenere per mano incantati dall'umidità pesante, dal bianco che avvolge, in un dolce segreto dei sensi che non ha senso, però, senza di te.

sabato 22 dicembre 2007

Stairway to Heaven, come l'avrebbero fatta i Beatles.



Praticamente una nuova versione, non c'è quasi nulla dell'originale!

venerdì 21 dicembre 2007

Traveler IQ Challenge: la geografia, questa sconosciuta.



E pensare che mi sono sempre vantato di conoscere a menadito gran parte della geografia, forte di anni di curiosa letture dell'atlante e di interrogazioni tra amici sulle capitali del mondo, ma non sono arrivato in fondo all'impegnativo Traveler IQ Challenge e mi sono bloccato solamente al livello 10 sui 12 totali.

Ma è ovvio, perchè è semplice sbagliare sui minuscoli stati del Centro America, oppure sulle città dell'Africa subsahariana o sulle nazioni disperse nell'Oceano Pacifico della vasta Micronesia.

Però adesso vado a riprovare, perchè ho le idee più chiare su dove siano le Isole Comore.

domenica 16 dicembre 2007

Quanta musica, in questo 2007, che non dimenticherò.

Questa,che voleva essere una top ten degli album usciti nel 2007 che ho amato di più, contiene in realtà 20 titoli. Quindi, a rigore, è una stupenda e inusuale top twenty. Ed è un post dannatamente lungo, che sia chiaro.

E poi chissà come mai tutti quanti stilano sempre una top ten oppure una top thirty o una top fifty: sembra quasi che ci sia ostracismo e diffidenza vero il 20 in quanto numero.

Ma io riabilito il 20, eminentemente perchè 10 dischi per definire questo 2007 che scivola via erano un po' pochi, ma 30 rischiavano di annacquare la classifica con album che non ho che ascoltato distrattamente.

Mentre alcuni altri li ho ascoltati a lungo, e li ho fatti ripetere e ripetere in cuffia: in giro, sui bus a due piani di Londra, durante lo studio, in macchina, nella mia nuovissima sveglia.

E poi questo è stato l'anno di LastFM, che ha rivoluzionato il mio modo di capire e comprendere come ascolto musica, ha sopito la mia ansia di statistiche e mi ha fatto conoscere più di un'artista che alla fine s'è rivelato tra i miei preferiti. E inoltre mi ha fornito anche le classifiche annuali che mi hanno aiutato a stilare questa lista, sebbene tutti gli ascolti da gennaio e giugno non siano stati inseriti ed è stato necessario "l'intervento umano".

Ma adesso il cappello introduttivo è finito: ecco i 20 album usciti quest'anno che ho ascoltato e ho amato in questo meraviglioso 2007.


20. Burial - Untrue
Dietro lo pseudonimo Burial si nasconde uno sfuggente artista londinese di cui si ignora la vera identità, ma che riesce a manipolare la musica dub e garage in maniera così giudiziosa che si dimentica facilmente la fumosità del personaggio per godere appieno delle oscure sonorità.
L'ho ascoltato in maniera viscerale, i suoi beat e i suoi loop riescono a incendiare l'atmosfera e ad azzerare ogni distanza e poi "Archangel" è un pezzo di rara bellezza: una voce liquida si insinua spezzata su un battito garage e riesce a mettere i brividi, con quel loop che si affastella sul cantato, con quei beats che esplodono lontani.

19. Josè Gonzalez - In our nature
Riuscire a fare un album di pezzi acustici così bello è un'opera meritoria e impossibile ai più, mentre questa gradita sorpresa di Josè Gonzalez riesce a piazzare una decina di canzoni perfette, degne di un mito come Nick Drake. Un album che brucia di passione, di un'anima in fiamme che si riversa in musica.
E occorre molto coraggio e parecchia bravura per fare una cover di un capolavoro del trip-hop più acido ed elettronico come "Teardrop" in versione acustica e voce spezzata e farla risuonare calda accanto al gelido originale.

18. A Toys Orchestra - Technicolor dreams
Una rivelazione tutta italiana, un album tra i migliori della penisola. Basato su un solido impianto pop, stupisce però traccia dopo traccia con variazioni gradevoli e piccoli, stucchevoli pezzi di accorato canto e candore. Ne ho apprezzato tantissimo le melodie, solidamente intarsiate dal pianoforte su molti pezzi, sebbene ci siano momenti più variegati ed elettronici.
E poi, adoro senza posa "Cornice dance", con quella nenia irta di schegge e di chitarre è davvero da scena internazionale, da east coast, con quella coda che sfuma in un delirio post-rock di quelli che apprezzo di più.

17. Amy Winehouse - Back to black
Una voce immensa in un gracile e sgraziato corpo segnato dalle sostanze stupefacenti: è la solita, ritrita descrizione dei cantanti maledetti ma con Amy è davvero così. Vi diranno che è commerciale, che si è già sentita, che non c'è niente di nuovo.
Balle. La giovane londinese ha una voce d'altri tempi e la usa in maniera divina. O diabolica, forse. Basta ascoltare "Back to black", il suo testo triste e crudele, la voce che suona come un'intera orchestra, l'atmosfera da noir di bassa lega. E l'intero disco è ricco di dettagli curatissimi, nerissimi, perfetti.


16. The Shins -Wincing the night away
Un disco estivo e fresco, ma con uno spessore che scopri solo dopo gli inevitabili ripetuti ascolti: le sue melodie così accattivanti, i suoi ritornelli, i suoi coretti "la-la-la-la" lo definiscono come pop, ma c'è tanto altro dentro il calderone dei The Shins. E insieme a pezzi più semplici, smaccatamente e teneramente indie, si trovano degli esperimenti più astuti, in cui il gruppo sperimenta con e amoreggia con generi che non sono i soliti, ma con risultati gradevolissimi.
Il singolo "Phantom Limb" è il riassunto di un disco adattissimo per un breve in viaggio in auto, verso la spiaggia con tutti gli amici al seguito.

15. Animal Collective - Strawberry Jam
Rumore, urla e stridore di denti: si trova tutto questo nel fantastico album freak degli Animal Collective, dalla lucente e stupenda copertina. Un disco che trasmette un'allegria sciola e pervasiva, ricco di canzoni sperimentali e molto, molto citazioniste: le innovazioni sono palesi, la creatività è a livelli da saturazione ma l'insieme è così raffinato e così disgustosamente fresco da risultare irresistibile.
Ne è simbolo e incarnazione la mantrica "Fireworks", in cui un tappeto sonoro di ineguagliabile originalità fa da soggetto e da contorno allo sciamanico canto. Una sorpresa che spiazza tutti.



14. Cold War Kids - Robbers & cowards
Questa band di californiani esordisce con un disco davvero bello, che si è immediatamente conquistato i miei favori con le loro ciniche storie di realismo sociale, seppure con qualche riferimento di troppo ad una teologia della grazia di stampo calvinista. Ma i pezzi sono cantati in maniera molto accorata e suonati ancora meglio, in maniera da inserirsi idealmente in un filone waitsiano con un caleidoscopio di suoni e stili.
Il pezzo chiave è comunque "Passing the hat", con la sua storia di povertà e disperazione, con la sua verve tex-mex e il suo sapore caldo, sabbioso e cruento.


13. Feist - The remainder
L'ho scoperto solo di recente, ma è un album meraviglioso, potente e variegato, di una bellezza soffice e lucente. Leslie Fest ha una voce sublime e riesce ad usarla nei registri più vari e difficili, sempre in maniera accorata e cromaticamente vasta. Inoltre l'intero album è potenzialmente pieno di singoli di successo, mentre alcune canzoni sono delle ballate così lievi che lasciano veramente senza fiato. Impossibile scegliere solo una canzone, ma probabilmente è "So sorry" che mi commuove di più, con la sua dolcissima storia di malinconico amore, di tragica lontananza: e poi, la sua voce spezzata che s'inerpica fiera sulla melodia. E vibra, senza fiato.

12. Okkervil River - The stage names
Scuro, nero e lucido. Come sempre gli Okkervil River creano una collana di perle nerissime che splendono notevolmente grazie alla potenza del canto e della musica. Ed è proprio la voce la grande protagonista di questo album, sebbene l'intero impianto tradizionalmente rock riesce a creare le necessarie premesse per la grandezza di questo lavoro.
Più lo ascolto, più mi trascina nelle sue ballate folk e oscure, nei suoi gemiti strozzati: diverse canzoni entrano immediatamente in mente e non vanno più via. Ma il meglio arriva con la sublime "A girl in port" e il suo lieve incedere, traballante, triste.


11. Liars - Liars
Non servono parole, quando si parla dei Liars.
Il gruppo più smaccatamente pop dei nostri tempi, che non fa nemmeno una canzone pop. Perchè a loro piace stupire con oscuri incubi rumoristici, con una dimensione tribale che si sprigiona in ogni pezzo con una carica micidiale, devastante. Dopo il successo del concept-album dell'anno scorso "Drum's not dead", tornano immediatamente con una raccolta di pezzi perfetti, a partire dalla splendida cavalcata rock di "Plaster casts of everything", probabilmente la canzone più trascinante dell'intero anno.
E come non amare le loro sperimentazioni sulle percussioni, il loro ritmo elettroacustico, il loro picchiare selvaggio, ma sempre al punto giusto: "Leather Prowler" ne è l'oscuro manifesto.

10. Justice - Cross
Direttamente ispirati dai padri(ni) Daft Punk, i francesi Justice esordiscono in maniera eclatante con questo cesellatissimo album di pura disco, un frullato di succhi da discoteca che rielabora una tradizione pluridecennale. Un disco che afferma ancora una volta la strabiliante superiorità delle sonorità europee in questo settore, ed è tutto meritato: sin dalle battute iniziali l'album procede alternando marzialità accattivanti con lievi cantati femminili ammiccanti e sexy, senza nessun passo falso.
I pezzi si dispiegano potenti come fossero sparati da migliaia di watt su un dancefloor oceanico e la meravigliosa "Stress", con il suo cattivissimo loop dal battito techno, dall'incedere sicuro, dal ritmo snervante.

9. Giardini di Mirò - Dividing opinions
E' possibile fare post-rock in Italia, e i GdM lo dimostrano in maniera elegante e perfetta piazzando un disco meraviglioso che fa sfigurare parecchia simile produzione estera. Era nell'aria da tempo ma fortunatamente mantiene tutte le promesse sin dall'inizio: si tratta di una raccolta di grandi canzoni, tutte similmente belle ma a suo modo ognuna diversamente eccezionale.
Mi piange il cuore a sceglierne solo una, ma ecco io ho ascoltato fino all'usura la splendida "Self help", in cui fa capolino il Glen Johnson degli amati Piano Magic: e la sua voce si sposa senza problemi con l'impianto sonoro che gli italiani tessono alle sue spalle.

8. Spoon - Ga ga ga ga
L'ho già detto, è un titolo osceno per un album così grande. Mi ha catturato con la potenza di alcuni suoi brani, ma lentamente si è insinuato grazie alle sue innumerevoli qualità. Non ultima, la voce del front-man e la sua peculiare capacità di piegarla ai propri voleri sebbene sia spesso portata ad un rauco urlo. Ma la grandezza resta e risiede proprio nella ricchezza cromatica del loro suono, alla violenza delle chitarre, ai battiti sincopati sul pianoforte e anche ad una certa rigorosa semplicità delle melodie, capaci di catturare all'istante l'ascoltatore. Splendida rappresentante è "You got Yr. Cherry Bomb" e i suoi fraseggi orchestrali, il suo ritornello immediato e l'improvvisa voglia di fischiettarla, ovunque.

7. Editors - An end has a start
Un gruppo che più british non si può, ma che rilegge in chiave dark una tradizione che dagli U2 passa dai primi Radiohead e arriva fino ai Coldplay, ma sempre dal lato oscuro, fin quasi ad arrivare ai Joy Division. Gli Editors sono maestri nel costruire architettoniche canzoni dall'impianto monumentale, a partire dal sinfonico incipit del disco. Emerge una notevole cura nell'impianto-canzone ed il risultato sono parecchi pezzi in cui la voce, le chitarre e tutto il resto si rubano la scena a vicenda con ottimi risultati. Incredibilmente bella è la nerissima cavalcata di "When anger shows", con il crescendo finale di stampo smaccatamente pop tra chitarre tesissime e voce in grandissima tensione.

6. Interpol - Our love to admire
Si parlava dei Joy Division, ed eccone gli eredi più accreditati: direttamente da New York gli Interpol sfoderano questa terza prova, che è comunque il loro disco meno riuscito, ma la qualità assoluta è parecchio elevata. In questo album si intravedono nuovi territori precedentemente inesplorati dal gruppo, in cui i taglienti riff di basso e chitarra che marchiano a fuoco le loro canzoni raggiungono una dimensione nuova, più vicina alla new-wave, agli anni '80 che tanto hanno donato alla loro verve.
Personalmente la coda finale del disco è la parte più gradita del disco, ma è con "Who do you think?" che mi scateno maggiormente, che, sebbene sia sicuramente l'episodio meno dark e meno attinente ai temi propri della band, ha una capacità notevole di trascinarmi via.

5. The Field - From here we go sublime
Un disco pazzesco, in cui la tecnica del sample e del loop ricombinante è portata ai suoi fasti più gloriosi per creare dei pezzi colpevolmente bellissimi. E' sufficiente selezionare un misero secondo da un altro pezzo del passato per dare vita ad una cascata di suoni elettronici fluidi, liquidi e caldissimi, come vino in nave spaziale.
Accenni di melodia, beats metallici, voce in loop e campionamenti spiazzianti: è il trionfo della minimal techno, ma si tratta di pezzi da ascolto silenzioso, da introspezione, capaci di proiettare l'ascoltatore in un'atmosfera da sogno, come un moderno mantra tecnologico capace di infondere la calma interiore in maniera elettronica. Il pezzo chiave è "Silent": costruito su un loop inverso di squisita fattura, si estende su un tappeto ambient di rara qualità e termina in una lieve esplosione house dal sapore freschissimo.

4. Modest Mouse - We were dead before the ship even sank
L'indie in testa alla classifica s'era visto poco, ma i Modest Mouse sfondano ogni record e si piazzano lì, in altissimo, con questo caleidoscopico album giocato tutti su chitarre potenti, su arrangiamenti sempre complessi e canzoni travolgenti. Lo splendido singolo "Dashboard" riassume diverse centinaia di stili diversi e si fa portavode di una poetica dell'accumulo, in cui le canzoni tiratissime si rubano la scena a vicenda. L'ho ascoltato tantissimo, ma ancora mi stupisco per la ruvidezza di "Spitting venom" e il suo incedere traballante iniziale che si trasforma in uno stupendo crescendo prima smaccatamente rock e poi più tenue. Da brividi, da applausi: da oggi l'indie è aperto al pubblico.

3. Radiohead - In rainbows
Un nuovo disco dei Radiohead è sempre un evento di portata sovrannaturale e difatti non ricordo di aver mai atteso con ansia il rilascio di un disco. Per non parlare dell'intera vicenda del rilascio online e pagamento "it's up to you".
Appare emblematico come nessuna canzone rifulga particolarmente nell'album, ma questo, piuttosto che essere dovuto ad una tenue mediocrità dei pezzi, è l'indice di una smisurata eccellenza così superbamente diffusa in ogni canzone da rendere praticamente impossibile trovare punti deboli. Gli alfieri di Oxford continuano ad innovare, fanno tesoro della lezione da solista di Thom dell'anno passato e si pongono in bilico tra gli anni '90 e il 2010, con un solido insieme di canzoni da lasciare alla storia. Se proprio devo, scelgo "Bodysnatchers".

2. The National - Boxer
Esterno, notte, paesaggio urbano piuttosto desolato, quasi industriale. Piove. Ecco il mood che ci avvolge con le prime note dell'album e quest'atmosfera dark ci trascina per dieci ottime canzoni, in cui la caldissima e grave voce del frontman ci annienta con dei testi meravigliosi, dei piccoli poemi dall'oscuro splendore. La batteria domina su tutto, ma ogni cosa è al posto giusto: sono parecchi i pezzi capaci di incantare al primo ascolto, di evocare momenti di ghiaccio e parole taglienti, liti furiose e lacrime amare.
E poi "Slow show": un testo cinico e bellissimo, una canzone d'amore disincatate eppure caldissima, con quel piano che alla fine rimarca la melodia, e la suggella, fiera.

1. Arcade Fire - Neon Bible
Se penso che si tratta di una quindicina di persone che suonano e urlano e scalpitano sul palco e che riescono a creare questo dannato capolavoro di questo 2007, ecco, mi viene proprio voglia di vederli dal vivo. Sì perchè gli Arcade Fire mettono in campo un arsenale musicale, sul quale la voce di Butler urla le sue parole accusatorie contro tutto e tutti, contro il presente, contro l'America, contro la religione.
L'intero album si ascolta tutto d'un fiato, poichè le canzoni sono solidamente agganciate l'una all'altra senza soluzione di continuità: è incredibile la ventata d'aria fresca che hanno portato quest'anno questi matti canadesi! E "Intervention" è il mio pezzo preferito, senza dubbio alcuno, di questo intero 2007, un intenso urlo in crescendo con un organo mozzafiato a fare da portante. Sublime, invero.

Campioni del Mondo!

Il Milan vince a Yokohama e diventa contemporaneamente Campione del Mondo e la squadra più titolata del globo.

E Kakà è spettacolare.

E scusate se è poco.

sabato 15 dicembre 2007

A life less dolce.

Il New York Times dedica un intenso articolo di approfondimento al nostro paese, che sembra aver perso la speranza nel futuro in una malessere generalizzato di tutta la società.

Non manca niente: la crisi economica, la disaffezione nei confronti della politica, la precarietà del lavoro, la meritocrazia inesistente, i costanti sotterfugi della vita di tutti i giorni, la litigiosità televisiva, l'invecchiamento della popolazione.

E' proprio vero: si tratta di un grandissimo paese dalla stupenda storia, dove la vita è stupenda e in cui milioni di turisti arrivano ogni anno.

Ma è proprio questo è il nocciolo della questione: è il posto perfetto per una vacanza, ma se è la tua intera vita a svolgersi in Italia allora le cose iniziano a cambiare.

Che dire: l'età mi porta ad avere fiducia nel futuro, ma di certo è un grosso sforzo riporla in questo stanco e affannato paese.

Ed è proprio così, e lentamente la "dolce vita" diventa sempre meno gustosa.

giovedì 13 dicembre 2007

California dream Santa.

Anche i bar gay mettono gli addobbi natalizi.


Foto: the_moog

Top 50 music video (killed the radio stars).

Fine anno e tempo di classifiche in rete per i colossi della critica musicale: Pitchfork inaugura la stagione con "Top 50 music videos of 2007".

Personalmente il mio preferito è quello dei Liars, "Plaster Casts Of Everything".


mercoledì 12 dicembre 2007

I tir paralizzano l'Italia: qualche riflessione.

Prima i tassisti che bloccano Roma e adesso un manipolo di autotrasportatori che paralizza l'Italia: il paese è sempre più in balia di minoranze arroganti e becere, che galleggiano in una turpe illegalità.

E il cittadino viene colpito due volte: prima perchè non c'è carburante, frutta, verdura, carne, latticini, giornali in tutta la città, e poi perchè la nostra libertà di circolazione viene osteggiata da questi signorotti dell'autoarticolato che si credono immuni e impuniti. In un clima di illegalità generale chi alza di più la voce, chi provoca più danni ha buone probabilità di vedere accolte le proprie magari sacrosante ragioni.

Ma è il modo con cui si protesta, ad inficiare l'intera validità della rivendicazione: lo sciopero è giusto e sacrosanto, ma gli autotrasportatori dovrebbero limitarsi ad incrociare le braccia, senza però ostacolare lo svolgimento del lavoro di tutte le altre persone.

Perchè altrimenti parliamo di reati, e non è la precettazione a risolverli ma l'arresto e lo sgombro forzato.

La Francia non si è fatta bloccare dai ferrovieri in rivolta per una settimana e non li ha ammessi ad un tavolo di contrattazione finchè il blocco restava in atto.

E noi qui pronti ad invitarli al dialogo mentre questi tranciano le gomme ai tir che desiderano passare.

***

Piccola riflessione.

E' indegno che in Italia gran parte del traffico logistico scorra su gomma, mentre nel resto del mondo civile viaggia su rotaia. Occorre urgentemente rivisitare l'intero impianto.

Ma oltre a questo è normale che le piccole aziende soffranno di evidenti problemi di fatturato, visto che non hanno l'organizzazione e la capacità di penetrare capillarmente il territorio, così mentre i colossi stranieri dell'autotrasporto mettono in campo uno stuolo di lavoratori perfettamente coordinati, i piccoli autotrasportatori si scannano per una commessa e poi sono costretti a tornare alla base con il carico vuoto.

L'Italia è piena di autoarticolati che viaggiano vuoti per incapacità di coordinazione. E questo è un danno enorme al paese, all'ambiente, all'economia.

E adesso, cortesemente, spedite l'esercito a forzare quei blocchi, che qua in Sicilia manca ormai tutto.

lunedì 10 dicembre 2007

Luttazzi vs. Ferrara, la sfida infinita.

L'affaire Luttazzi si è tinto di fosco ormai: Daniele Luttazzi denuncia sul suo blog le vessazioni subite dallo staff di La7 e Giuliano Ferrara scrive un'accorata lettera di denuncia e di velata ma pungente critica a Repubblica.

E' così triste vedere che in Italia si discute ancora di libertà relativa e valori assoluti, di etica e di satira.

E intanto crolla il mito di La7 come televisione libera. Un altro pezzo di libertà che va via.

L'ennesimo.

[Update: questo post mi piace parecchio, su questo tema.]

sabato 8 dicembre 2007

Decameron sospeso, Luttazzi censurato.

Avevo già parlato del ritorno di Luttazzi in tv con "Decameron" e ho anche apprezzato le prime quattro puntate. Leggo però con sorpresa che il suo programma è stato sospeso da La7 a causa di questa battuta su Giuliano Ferrara:

"Dopo 4 anni guerra in Iraq, 3.900 soldati americani morti, 85.000 civili iracheni ammazzati e tutti gli italiani morti sul campo anche per colpa di Berlusconi, Berlusconi ha avuto il coraggio di dire che lui in fondo era contrario alla guerra in Iraq. Come si fa a sopportare una cosa del genere? Io ho un mio sistema, penso a Giuliano Ferrara immerso in una vasca da bagno con Berlusconi e Dell'Utri che gli pisciano addosso, Previti che gli caga in bocca e la Santanchè in completo sadomaso che li frusta tutti"
Parole forti, ma indiscutibilmente surreali e quindi non veritiere. Si tratta della comicità dell'eccesso, di quella Sature latine caratterizzate proprio dall'eccesso, dalla volgarità imperante e dall'attacco ai potenti.

Inoltre lo show di Luttazzi dopo una partenza in sordina si era guadagnato delle ottime percentuali di share e addirittura la puntata incriminata di sabato scorso era stata replicata giovedì sera, e questo rende ancora più strana e sospetta la sospensione del programma, comunicata soltanto stamattina.

Di sicuro, non c'entra nulla che stasera Luttazzi avrebbe incentrato tutta la puntata sull'ultima enciclica del Papa, come recitava il palinsesto di La7 prima dell'epurazione:

Nel monologo iniziale, Daniele Luttazzi commenterà in modo satirico la seconda enciclica di Papa Benedetto XVI dal titolo "Spe salvi", pubblicata il 30 novembre scorso.

Ed io che pensavo che La7 fosse fuori dal coro, un territorio incontaminato.


E dire che una volta Quintiliano scriveva con orgoglio "Satura quidem tota nostra est".

venerdì 7 dicembre 2007

Modifica le tue foto. Su Flickr.

Da qualche giorno è possibile modificare le proprie foto su Flickr direttamente sul sito, cliccando sul nuovissimo e fiammante pulsantino "Modifica".

Praticamente una rivoluzione copernicana per il celeberrimo sito di hosting: si tratta di una caratteristica molto comoda e ben implementata, specialmente per chi come me non è molto a suo agio con Photoshop.

Tutto questo grazie all'integrazione con l'editor di immagini Picnik, che offre una serie basilare ma tutto sommato completa di funzioni per l'editing.


Brand new style.

Grazie alla splendida nuova toolbar che Almostviola ha creato per me ho avuto il coraggio di effettuare un lieve restyling del blog.

C'è da dire che la sua vena artistica mi sorprende sempre più: è ovvio che fa sempre comodo avere un'artista in famiglia...

giovedì 6 dicembre 2007

Wishlistr

Un'accorta segnalazione di AlmostViola mi ha fatto conoscere un interessante sito di social networking basato sulle wish-list: Wishlistr.

Una wishlist non è altro che un elenco di cose che vorremmo ricevere per regalo: solitamente è molto utile a chi deve farli, visto che spesso non si sa bene cosa una persona desideri.

E visto che si avvicina il Natale, si tratta di un tema molto sentito: parecchi di noi rischiano di causare dei danni irreversibili a molte relazioni semplicemente con un regalo sbagliato.

L'idea è molto semplice ma anche accattivante: mentre navigate sul Web vedete qualcosa che vi piace e immediatamente potete inserire l'oggetto nella vostra lista con qualche breve commento e il link al sito. Devo dire che la funzione sociale è un po' sottotono, visto che si può solo aggiungere qualche utente come amico e iscriversi al feed delle loro liste: qualche strumento di comunicazione in più sarebbe stato gradito.

Ovviamente l'intero post serve eminentemente per segnalarvi la mia lista: attingete liberamente, non sarò certo io a limitare la vostra generosità.

Lavori domestici


Un blog che seguo spesso e di cui apprezzo moltissimo l'impostazione (difatti mi ispiro un po' a quella) è Inkiostro, sul quale leggo con sorpresa e sopito piacere che la Homework Records ha rilasciato in download gratuito la compilation "Lavori domestici", gustosa raccolta che raccoglie

le sfumature più ampie della musica elettronica contemporanea raccogliendo produzioni sia dancefloor (techno, minimal, tech-funk) che da ascolto (glitch pop, abstract hip hop, idm, downtempo).

Si tratta quindi di una notevole collezione di suoni strani e stranianti, un'ottima occasione per avvicinarsi a quel variegato mondo della musica elettronica in un contesto ricco di italiani più o meno sconosciuti ma sicuramente capaci e dotati.

E poi la copertina è semplicemente simpaticissima e geniale.

martedì 4 dicembre 2007

Fuga dei cervelli.

L'ambiente universitario italiano in cui vivo è permeato da una sensazione di ineluttabile tristezza, a causa delle infime prospettive future che vediamo dinanzi a noi in un'eventuale carriera accademica.

Insomma, lo stato Italiano investe migliaia di Euro per formare dei laureati di livello molto buono e poi, all'improvviso, decide che non sa cosa farsene di questo capitale umano preziosissimo. Difatti il settore della ricerca universitaria è in crisi profonda nel nostro paese.

Gli stipendi medi italiani sono i più bassi d'Europa: un dottorando sopravvive con circa 830 euro al mese, un assegnista si fa bastare 1.100 euro mentre un ricercatore gode di ben 1.200 euro. Si tratta di cifre inferiori agli stipendi di un operaio, che di certo non ha dovuto sottoporsi ad anni di formazioni intensiva e impegni di studio.

Per non parlare delle prospettive di avanzamenti di carriera, in un settore in cui tutto è profondamente precario, tutto è in preda ad un'instabilità fortissima che ostacola chiunque a rimanere.

E così rimane solo una scelta: cercarsi un lavoro nel privato, che è spesso molto appagante, o emigrare alla ricerca di un mondo accademico visto soltanto da lontano, sognato, anelato.

E si parte verso nuovi paesi, in cui la società riconosce a queste figure un altissimo merito e ne retribuisce in maniera opportuna le competenze. E i grandi centri di ricerca esteri benificiano in maniera spropositata di queste giovani menti produttive, formate a caro prezzo dagli italici atenei e fuggite meste all'ennesima porta in faccia ricevuta.

E' stata anche una mia esperienza: in un paio di mesi a Londra ho potuto vivere in un mondo privo di cavilli, senza concorsi, senza ostacoli, in cui il dinamismo è così elevato che la tua mente viene costantemente investita da stimoli, la produttività schizza alle stelle e la creatività si sprigiona in maniera consequenziale.

E si parte, si lascia tutto nella speranza di un futuro migliore. Che poi arriva, e inizi a chiederti se ne è valsa la pena di lasciare tutto il resto, e la rabbia cresce suprema contro chi ti impedisce di affermarti dove sei nato, dove sei di casa.

domenica 2 dicembre 2007

Natale

A Natale, si sa, siamo tutti più buoni.

sabato 1 dicembre 2007

Dire, Fare, Baciare, Lettera e Testamento

A volte circolano per la blogosfera delle catene simpatiche e gentili, con le quali è facile scoprire qualche piccolo dettaglio di chi leggi e fermarti a riflettere su certi tuoi abissi nascosti mentre rispondi.

Questa catena è partita da Terronista ed io sono stato nominato da AlmostViola: si tratta del gioco che si faceva da bambini Dire, Fare Baciare, Lettera e Testamento, antenato e predecessore di tante varianti più o meno irriverenti come "Obbligo o verità".

Ma arriviamo al punto.

Mi piacerebbe dire quanto sono grato alle persone che mi vogliono bene, per come mi stanno vicino, mi supportano in ogni mia scelta e mi sopportano in ogni mia decisione, per come silenti sorreggono il mio cammino e vegliano sulla mia strada. Si diventa grandi, ma la mia famiglia e lei sono continuamente al mio fianco. Grazie.

Ho voglio di fare qualcosa di decisivo, qualcosa di irrimediabile, qualcosa di nuovo e di importantissimo: si avvicina il traguardo della fine dell'università e qualcosa dovrò pur farla, sperando di fare quella giusta.

Per baciare mi basta avere una persona al mio fianco, e scoprire che in ciascuno dei baci che ci scambiamo c'è tutto il segreto che ci tiene uniti, come un piccolo microcosmo che scaturisce solo in quell'istante, sempre lo stesso ma mai uguale. Tutto è iniziato con un bacio e continua ancora così.

Ho appena scritto una lettera, ma forse è meglio dire che era una richiesta. Ne spedirò tante in questi mesi a venire, speriamo che rispondano e che rispondano bene.

Per il testamento non è forse il momento adatto, ma mi piace pensare che avrò dei figli a cui badare: e la nozione stessa di perpetuarmi nel loro ricordo mi addolcisce il presente e senza dubbio alcuno mi renderà la vita degna e piena di significato.

Chi vuol continuare lo faccia, senza impegno però: le cose più belle sono quelle che si fanno col cuore.

venerdì 30 novembre 2007

Radiohead in Italia

Mi dicono che i Radiohead hanno annunciato alcune date del loro tour del 2008.

E c'è anche Milano.

18 giugno 2008.

Arena Civica.

Non possiamo mancare.

I biglietti sono già in vendita, piccolo particolare.

martedì 27 novembre 2007

Crayon Physics

Ancora una volta, ringrazio Matteo per questo meraviglioso giochino: semplicemente disegnate un mondo con i pennarelli e lo vedrete animarsi secondo le leggi fisiche fondamentali.

Da rimanere a bocca spalancata.

E dire che presto uscirà il sequel!!


domenica 25 novembre 2007

Daft Punk - Alive 2007

A distanza di 10 anni dal loro album dal vivo "Alive 1997" i Daft Punk tornano con una brillante performance in "Alive 2007", registrazione del concerto che il duo ha tenuto a Parigi il 14 giugno scorso.

Si tratta di un live di potenza impressionante, in cui gli alfieri dell'elettronica francese riescono a miscelare tutti i loro pezzi classici, iniettando nuova adrenalina e creando dei nuovi capolavori.

Dopo il mezzo passo falso "Human After All" (2005) sembravano davvero lontani i fasti di "Discovery" (2001) e ancora di più quelli di "Homework" (1997), con il quale erano riusciati a ridefinire la musica elettronica di fine millennio e diedero il via alla rivoluzione del "French Touch", di cui ancora oggi odiamo gli echi in alcune hit estive di dubbio gusto ma di ostinato successo (vi dice qualcosa "World, hold on" di Bob Sinclair?).

In questo live i Daft Punk riescono a tirar fuori il meglio con una performance davvero storico: emblematico specialmente il crossover tra due loro pezzi forti come "Around the world" e "Harder, better, faster, stronger", in cui la base dell'una si fonde perfettamente con le parole dell'altra. In una canzone sola si riesce a percepire l'eccezionalità dell'evento, la grandezza dell'opera.

Sembra quasi un miracolo come persino i pezzi più ostici e meno riusciti di "Human After All" riescano a ritrovare nuova vita se mescolati con i bassi e le distorsioni degli altri precedenti lavori: e così "Television rules the Nation" attinge nuova linfa da "Around the world" e si trasforma in un inno postmoderno all'ubiquità della scatola televisiva, mentre "Steam machine" e i suoi oscuri dub dronici da brividi vengono ridotti ad un sample e diventano un muro di bassi con i quali costruire una nuova estetica electro-industrial.

E ancora una volta i Daft Punk si riconfermano alfieri innovativi, mostrando che l'inventiva di cui hanno dato larga prova non è ancora sopita ma anzi, ci attende con nuove esperienze, nuovi stilemi, magari anche una nuova rivoluzione.

Ovviamente aspetto il DVD con ansia quasi parossistica.




Daft Punk - Around the world/Harder, better, faster stronger

giovedì 22 novembre 2007

I Radiohead e la Proporzione Aurea

E' bello vedere come la gente si applichi a trovare rimandi, cospirazioni e indizi segreti anche nelle cose più limpide e trasparenti come un album dei Radiohead.

Qui è possibile leggere il resoconto di un'intervista rilasciata da Thom Yorke alla radio, in cui commenta un paio di fantasiose teorie numerologiche che sono sorte in rete sul rilascio del loro ultimo album "In Rainbows".

La seconda è poi particolarmente ingegnosa, si basa sulla proporzione aurea e sembra proprio uscita da un romanzo di Dan Brown...

E apprendiamo anche che il buon Thom non ha pagato nulla per scaricare il proprio album dal sito, ma guarda un po' che sconsiderato.

Gmail è meglio di Windows Live

Una simpatica e sincera spiegazione della superiorità indiscussa del servizio di posta di Google rispetto al corrispondente di zio Bill.

"Forse dobbiamo mettere degli altri banner pubblicitari totalmente fuori tema rispetto alle conversazioni dell'utente.

Ah, non dimentichiamo anche di eliminare la possibilità di raggruppare le email di una stessa conversazione, che idea bislacca..."

mercoledì 21 novembre 2007

When did you start play videogames?

Ringrazio Matteo per la perla mattutina del Geek Test, che si abbina meravigliosamente al mio tag oh my geekness!

60% Geek

Ulan Bator @ La Chiave


Foto: V__



Potenza di LastFM e dei suoi eventi: complice l'organizzatrice V ci siamo trovati una sera di fine novembre tra amici dinanzi a La Chiave: c'era Tchà e Chiara, Anto, Mushin, il simpatico dottorando romano Sandro e mancava solo qualche ritardataria. Sotto il palco, con la sua Polaroid vintage che tutti le invidiamo, si trova proprio V, forse a dar consigli al cantante per la posa ideale per il suo scatto.
Sì, perchè è un periodo gravido di voglie, pregno di scadenza che s'approssimano e forzano la vita ad essere vissuta in maniera più istintiva, più reale, più piena. E così si va, ovunque, purchè si vada.

Che poi gli Ulan Bator meritano davvero: soprattutto per chi, come me, fa del post-rock quasi il genere musicale favorito (testa a testa con l'elettronica, ovviamente). Peccato che appena entriamo nel locale il soffitto piomba a pochi centimetri dalla nostra testa e l'affluenza è tale da nascondere totalmente l'angolino in cui suonano...

Le chitarre sono fluide, sarcastiche, stranianti, come ci si aspetta: è la potenza ad impressionare, forse dovuta all'acustica, forse peculiare del gruppo e sconosciuta precedentemente. Un'ottima impressione, peccato che il concerto diventi immediatamente poco godibile a causa del caldo e del fumo irritante di cui si riempie il locale.

Il batterista è davvero una macchina: macina ritmi ad una velocità impressionante e svetta in maniera incredibile sulle pur roboanti chitarre. I loro pezzi strumentali scivolano veloci e riempiono la testa in maniera totale, dolce, liquida.

E, come ha già scritto qualcuno, è stato il "contorno" ad essere piacevole e gustoso, fatto di piccoli gesti e tante risate che risollevano in maniera evidente un periodo altrimenti un po' grigio.

Perchè è così grigio questo nostro tempo, che attende di decidere che piega prendere in maniera più o meno definitiva. Ed in questo limbo, in questa speranza siamo tanti piccoli atti in potenza, nell'attesa di distruggere l'infinita schiera delle possibilità per ricadare nella dolce morte della certezza, dell'accaduto.

Dell'irreparabile, forse.

lunedì 19 novembre 2007

OndaRock is burning!

Una chicca per chi, come me, segue con assiduità più o meno costante OndaRock e il suo forum di... ehm... "appassionati".







Ovviamente io non ci scrivo su quel forum, ho altro a cui pensare... per esempio, al prossimo "Disco del mese"!

Furore - John Steinback

Ho finito di leggere "Furore " ("The grapes of wrath" in lingua originale) del premio Nobel americano John Steinback.
Non ho mai potuto leggere tanto della letteratura americana, nonostante mi piaccia in maniera viscerale le modalità d'espressione con cui un popolo senza storia è riuscito a costruirne una ex novo, fatta di un'etica spesso sconosciuta agli europei.

In maniera particolare è la speranza ad animare questo libro: nell'America della Grande Depressione, milioni di contadini del sud-ovest perdono tutto e decidono di emigrare verso la California "dove la frutta è così abbondante che marcisce sugli alberi" alla ricerca di una nuova vita. La famiglia Joad inizia quindi questo viaggio della speranza, per nulla diverso da quello che intraprendono tanti poveracci attraverso il nostro Mediterraneo: ma ben presto dovranno far i conti con una realtà fatta di miseria, povertà e progressiva disperazione, in cui i braccianti vengono sfruttati e maltrattati.

Terribile e angosciante, le pagine scorrono veloci: si alternano con regolarità lunghi capitoli narrativi (quelli di numero pari) e capitoli con delle brevi riflessioni sociali molto poetiche ed incisive (nei capitoli dispari), in cui l'autore mette a nudo la sua visione del problema in termini sociali, economici, morali ed etici.

Splendidi certi passaggi, degni di memoria: sotto ogni aspetto è un libro consigliatissimo, sia per la memoria storica di un evento forse poco conosciuto al di fuori dei confini statunitensi sia per le commoventi riflessioni che mette in moto, nell'animo di chi voglia leggerlo.


"Nei cuori degli uomini maturano i frutti del furore e s'avvicina l'epoca della vendemmia."


"...perchè se uno ha una pariglia di cavalli, allora quando non si lavora la tiene nella stalla e la nutre; ma noi no, noi siamo uomini, non cavalli, e possiamo morire di fame."

sabato 17 novembre 2007

Diritto al concorso

Avevo già scritto della mancata possibilità per gli italiani di partecipare al concorso indetto da Google per le nuove applicazioni di Android, a causa di problemi legati alla elefantiaca burocrazia italiana: ebbene, forse c'è qualche speranza...

Spulciando dentro codici e decreti Guido Scorza ha spiegato che probabilmente il concorso di Google non è sottoposto alle noiose lungaggini normative perchè è stato bandito

"...per la presentazione di progetti o studi in ambito commerciale o industriale, nei quali il conferimento del premio all'autore dell'opera prescelta ha carattere di corrispettivo di prestazione d'opera o rappresenta il riconoscimento del merito personale o un titolo d'incoraggiamento nell'interesse della collettività"
Speriamo che questo chiarimento-suggerimento venga presto recepito dai legali di Google..

WorldMapper, il mondo in uno sguardo.

Uno dei siti più interessanti che ho visto durante un corso universitario è sicuramente WorldMapper: si tratta di una raccolta di mappe della Terra ad opera dell'Università di Sheffield in cui i territori nazionali vengono ridimensionati secondo diversi parametri di interesse: ovviamente le quantità utilizzate sono moltissime, ci sono 366 mappe diverse suddivise in categorie tematiche.

Spesso la mappa consente di catturare in un colpo d'occhio come funziona l'economia mondiale, in maniera così immediata da risultare a volte stupefacente.

Vediamo qui la mappa del planisfero, da usare come riferimento.



Questa è invece la mappa che mostra i territori proporzionali alla popolazione dei singoli paesi: ovviamente la Cina e l'India spiccano tra tutti, ma è sorprendente anche la grandezza dell'Indonesia e del Giappone rispetto al loro territorio reale, mentre l'Australia è scomparsa.


Per valutare la ricchezza dei singoli paesi è interessante analizzare la mappa del PIL prodotto da ogni nazione: Europa, USA e Giappone dominano incontrastati, mentre l'Africa è scomparsa...


In maniera simile il consumo di energia è concentrato nelle stesse aree.


Invece completamente diversa è la mappa che mostra la percentuale di popolazione che vive in povertà estrema: il valore più alto è in Africa, mentre il Giappone è il più basso.



E il Nobel per la Fisica andrebbe...

...a Kent Hodgson, giovane studente neozelandese che ha inventato un metodo per raffreddare quasi istantaneamente la birra, ottenendo in pochi secondi una ottima bibita gelata ovunque voi siate.

Insomma, un'invensione incredibile. Da adesso il tizio è diventato una celebrità, risolvendo uno dei problemi più noiosi che affliggono l'umanità industrializzata.

Sfruttando la produzione di ghiaccio secco a circa -78° C è possibile inserire la capsula dentro la bottiglia e godere di una birra ghiacciata per lungo tempo.

La prossima estate i barbecue diventeranno sempre più semplici, così come i falò sulla spiaggia.

Che dire. Hodgson diventerà discretamente ricco.

venerdì 16 novembre 2007

My Goodness, My Guinness!

Meraviglioso l'ultimo spot della Guinness, opera del regista Nicolai Fuglsig: la rivista Creative Review lo definisce giustamente "lo spot Guinness più costoso mai prodotto".



Mai visto un effetto domino così coreografico e così mastodontico: il regista sottolinea infatti la difficoltà dell'impresa, e c'è da restare davvero a bocca aperta!

Guinness is good for you!

Little things

Da un po' di tempo non trovavo un oroscopo di Brezsny così azzeccato e simpatico:

"Mi piace molto quando dimentichi le tue difficoltà e ti immergi completamente nei problemi dei tuoi amici. Mi piace quando ti concentri totalmente sul fumo che sale dalla tua tazza di caffè, sul sole che si riflette in una pozzanghera o sulla misteriosa espressione che illumina il volto di uno sconosciuto. In realtà, mi piace da morire ogni volta che dimostri quanto adori essere qui sulla Terra, distogliendo l'attenzione da te stesso per rivolgerla a tutto il resto. La prossima settimana sarà il momento ideale per specializzarti in quest'arte raffinata."

In realtà nasce un'immediata riflessione: spesso ci concentriamo su noi stessi in una maniera così personale che perdiamo di vista l'obiettivo più grande della nostra vita, nella quale non diventiamo altro che piccoli e dispersi. Senza un sistema di riferimento fatto di persone, amici, amori e rapporti che, seppure non immediatamente presenti in quanto materialmente lontani, sono lì.

Ti aspettano, quieti, e tu sai benissimo che in ogni momento potrai attingere alle esperienze altrui per arricchire la tua.

Adesso, però, ho bisogno di un po' di malinconica solitudine, se non altro perchè devo studiare..!


giovedì 15 novembre 2007

Amare riflessioni

Una visita sul blog di Mirco mi ha ricordato che la nostra cara Italia è stata esclusa dal concorso lanciato da Google per sviluppare applicazioni per la sua nuova piattaforma per dispositivi portatili Android: ci sono in palio 10 milioni di dollari, che andranno agli sviluppatori che creeranno le applicazioni più interessanti.

Il concorso è valido per gli sviluppatori di tutto il mondo, tranne poche eccezioni:

"The Android Developer Challenge is open to individuals, teams of individuals, and business entities. While we seek to make the Challenge open worldwide, we cannot open the Challenge to residents of Cuba, Iran, Syria, North Korea, Sudan, and Myanmar (Burma) because of U.S. laws. In addition, the Challenge is not open to residents of Italy or Quebec because of local restrictions."


In altre parole vengono esclusi dalla competizione tutti i paesi che sono nei guai con gli USA (Cuba, Iran, Iraq...) e in più vengono esclusi la provincia canadese del Quebec e l'Italia a causa di "restrizioni locali".

Sembra che tali problemi siano causati dalla burocrazia eccessivamente farraginosa e dai regolamenti inutilmente complicati: infatti da noi ci sono infatti norme che in tempi di Internet hanno sapore borbonico e che spaventerebbero qualsiasi organizzatore di concorsi internazionali.

Per prima cosa, occorre depositare una somma di garanzia in anticipo per coprire l'intero valore del concorso: quindi Google dovrebbe stanziare 10 milioni di dollari in un conto corrente solo per lanciare il concorso in Italia.

Poi, in Italia i premi dovrebbero essere assegnati in presenza di un notaio e di un rappresentante di un'associazione dei consumatori riconosciuta; Google dovrebbe infine compilare infiniti moduli per fare registrare il concorso da due ministeri e dai monopoli di Stato.

Qui si possono trovare ulteriori dettagli.

Come sempre queste notizie stimolano amare riflessioni sul futuro che ci aspetta qui in Italia. Se le più grandi multinazionali informatiche non vogliono nemmeno bandire un concorso in Italia, quanto è (im)probabile l'apertura di un centro di ricerca e sviluppo nel Belpaese?

E chissà se un fenomeno tipico del meridione tra poco non diventerà nazionale, data questa assenza cronica di opportunità nel mercato del lavoro nazionale.

mercoledì 14 novembre 2007

Ratatouille

Dopo tanti rinvii all'ultimo momento sono finalmente riuscito a vedere "Ratatouille", il film d'animazione dell'accoppiata Disney-Pixar.

La storia è un po' irreale ma molto semplice: un piccolo topino che adora cucinare ed è un grande chef incontra un giovane sguattero che invece non sa cucinare nemmeno un uovo sodo. Manovrandolo come un burattino riusciranno a combinarne di tutti i colori in una Parigi ricca di colori e di critici culinari senza pietà.

Il film è realizzato in computer graphics con una quantità di dettagli pazzesca: è incredibile osservare i peli dei topi, i graffi sulle pentole di rame, la verosimiglianza dei cibi (su tutti il pane!). Insomma, se non fosse per la realizzazione un po' cartonosa degli esseri umani siamo già arrivati al fotorealismo.

Oltre a tutte queste meraviglia che vi lasceranno a bocca aperta, il film è anche oggettivamente uno spasso, ricco di momenti di pura ironia che vi faranno ridere nella miglior tradizione Disney.

Un unico appunto: da italiano non m'è piaciuta affatto la celebrazione della cucina francese.

Sono già pronto per un sequel in chiave italiana, "Margherita": è la storia di una piccola blatta domestica che vuole diventare pizzaiola ma purtroppo tutti urlano non appena entra in cucina. Riuscirà nel suo intento colonizzando il cervello di una giovane pizzaiola e comandandone i movimenti.

Risate assicurate!

domenica 11 novembre 2007

Musica in pillole

Weekend molto, molto movimentato, che fa da chiusura ad una settimana insolitamente festaiola: ma in tutto questo ci sono dei piccoli appunti da fare nel campo musica & dintorni.

E' uscito "Hvarf / Heim" doppio CD dei Sigur Ros, contenente numerose rivisitazioni e qualche inedito del gruppo islandese: incredibile come un'operazione che la maggior parte degli artisti non riesce a fare senza spaventosi cali di qualità diventi un gioiellino per i Sigur Ros. L'album offre una pregevolissima versione di Staralfur ricca di una corposa base in pianoforte ed archi, senza considerare le innumerevoli variazioni cantate.


Complice il loro prossimo concerto a "La Chiave" qui a Catania (suggerito da V) e il nutrito database di LastFM ho scoperto che gli Ulan Bator sono un simpatico gruppo post-rock sperimentale francese molto simile ai nostrani Giardini di Mirò. Penso proprio di andarli a provare dal vivo, il post-rock è quasi una mia passione ormai.



La stagione concertistica qui sotto il vulcano prosegue con i Blonde Redhead il 4 dicembre. Sinceramente li avevo un po' sottovalutati ma come sempre l'impellenza di poterli vedere dal vivo, evento tra i più rari per le numerose band che snobbano Catania e la Sicilia, mi ha consigliato, e saggiamente, di fare una buona analisi della discografia. Non ho ancora deciso se andare o meno, anche se qualcuno è tra i sostenitori del Sì: inoltre metà gruppo è italiano e questo è sempre un punto a favore.


L'ultimo album degli Animal Collective è di un frastuono così meraviglioso da appagare tutti quanti i sensi. Consigliato solo a chi se la sente, e saranno in pochi a sopportare tanta bellezza e tanta rumorosità. Inoltre la cover è fantastica e riluce come gemma sullo schermo del mio iPod.

venerdì 9 novembre 2007

Stefano Bollani @ Metropolitan

Anche quest'anno torna la rassegna CataniaJazz, che celebra i suoi 25 anni di attività con un concerto d'apertura molto suggestivo con il trio di Stefano Bollani, sempre al Teatro Metropolitan, gremito in ogni posto per l'occasione.

Si sente davvero che Stefano è forse il miglior pianista jazz italiano dei nostri tempi: è capace di rapire l'ascoltatore in una cascata di improvvisazioni e citazioni che non ha fine, con una maestria e una perizia stupefacenti ma mai autoreferenziali.


Non di rado ricorda pianisti di chiara fama mondiale come Keith Jarrett, perchè ne ha le innate doti, il talento, la sensibilità musicale: riesce a sorprendere tutti con una fisicità e una presenza scenica notevolissime, il corpo vibra insieme al suo pianoforte e tutti ammutoliscono d'ammirazione quando inizia a suonare direttamente le corde dello strumento, come una enorme e smisurata arpa orizzontale.

In particolare è poi uomo dalla traboccante ironia, gli scambi di battute che intavola con il pubblico e con i due musicisti danesi che lo accompagnano strappano sonore risate e condiscono con gusto l'atmosfera che sapientemente riesce a creare.

I due danesi lo appoggiano in maniera sublime: specialmente il batterista tocca virtuosismi notevoli ed è splendido un gioco fatto di sfide e colpi a distanza.

Un ottimo concerto, un'ottima partenza, una splendida serata: spero di poter apprezzare in maniera simile i concerti prossimi venturi, perchè il gusto che regala essere per l'ultimo anno qui a Catania è davvero dolce.

mercoledì 7 novembre 2007

Bowling


Foto: i_plus

Gioco a bowling da meno di un mese, ma ieri sera ho già fatto un piccolo record personale: 119 punti!!

E' proprio vero che la tecnica non è tutto.

lunedì 5 novembre 2007

Decameron

Daniele Luttazzi è tornato in video dopo 5 anni dal famoso editto bulgaro con il quale Berlusconi lo tacciò di "uso criminoso della televisione pubblica": è La7 ad ospitarlo per dieci puntate del suo nuovo show Decameron, in onda il sabato sera alle 23,30. La prima puntata è dedicata agli scandali sulla pedofilia nella Chiesa Cattolica e lui ci va giù pesante, pesante..

Qualche riflessione:

  • si tratta di un one-man-show in cui Luttazzi è l'unico, inopponibile protagonista
  • la collocazione oraria è davvero pessima, chissà perchè non lo spostano al lunedì sera...
  • il lungo monologo iniziale gli serve a togliere parecchi sassolini dalle scarpe
  • in generale Luttazzi è diventato molto più cinico, più politico, più irriverente
In definitiva, sembra di assistere ad una puntata di Blob con commento satirico.

L'Iraq verrà diviso in tre stati. Ciascuno avrà la propria guerra civile.

venerdì 2 novembre 2007

Amarcord

A volte è necessario fermarsi un attimo e voltare lo sguardo, per ammirare quanta strada si è già fatta ed evitare di scoraggiarsi al pensiero del lunghissimo percorso che ancora ci attende nella vita.

In momenti come questi è molto bello osservare piccoli dettagli, regalati magari da una foto, un ricordo, una parola.

Ed è ancora più bello se si tratta di un momento di gruppo, da condividere con persone con le quali si è iniziata tempo addietro una splendida avventura e con cui magari adesso non si scambiano più tante parole, non si commentano più certe emozioni; ma comunque resta una sintonia di fondo, oltre la patina di abitudini diverse che sembra renderci estranei l'un l'altro e che invece, se scalfita, rivela ancora la voglia di passare del tempo insieme a parlare, stavolta, più del passato che del futuro.

Quante cose che abbiamo vissuto, quanti dolori, quante gioie, quanti appuntamenti ricorrenti in cui riscoprirsi meno estranei tra altri estranei.

E dire che tutto questo è nato da una semplice giornata, un esame, un concorso, un caso.

Per un istante, ho visto da qui a 20 anni, e tanti stimati professionisti che ancora si incontrano e rievocano dettagli ridicoli, e le risate che insieme facemmo continueranno a risuonare ovunque ci troveremo.

Un senso di appartenenza che raramente ho vissuto.

mercoledì 31 ottobre 2007

L'ispirazione.

E d'un tratto capii che il pensare è per gli stupidi, mentre i cervelluti si affidano all'ispirazione.


Il Vostro Umile Affezionatissimo s'è ritrovato in questi ultimi giorni in situazioni in cui questa citazione si applica alla perfezione, e pochi istanti fa una gradevole coincidenza mi ha portato a ricordare queste parole del mai dimenticato Alexander DeLarge.

A volte mi chiedo se davvero non sia il gettarsi sconsideratamente nei flutti della casualità il rimedio migliore alle situazioni di stallo, di blocco, di terrore.

E quasi sempre mi rispondo che le migliori decisioni sono frutto d'un battito di ciglia, di una risposta che sale alle labbra passando solamente dal cuore, senza visitare l'occhialuto cervello.

Taluni sarebbero contrari a tale celebrazione della parte istintuale che ci governa, ma si tratta di chi, davvero, si affanna stupidamente a pensare, e lascia sfiorire l'attimo esatto per l'azione corretta.

domenica 28 ottobre 2007

TrinacriaCamp: the day after


Foto: annoiato

Nonostante la particolarità della giornata e l'incombente esame alle porte, è stato oltremodo gradevole vedere la residenza ricolma di gente interessante, piena di vita, con tutte le aulette strapiene che nemmeno durante gli esami di lingua s'era visto un tale affollamento.

Era il mio primo barcamp e devo dire che non avevo compreso appieno l'atmosfera che si respira in queste occasioni: è davvero molto bello vedere come l'autorganizzazione emerga naturale, come i piccoli intoppi vengano superati e tutti, e dico tutti, siano felici, contenti e appagati.

Inoltre è sempre bello conoscere nuova gente e, meglio ancora, conoscere gente che si legge con piacere. E la costante compagnia di AlmostViola e Anto è stata davvero gradevole...

Tra tutti ho scoperto di Luca, che sorprendentemente ha la voce totalmente a quella di Simone: se si chiudono gli occhi non si riesce a capire chi dei due stia parlando!!

Insomma, è giunto il momento di programmare il prossimo BarCamp.

O magari di fare un CataniaCamp...