sabato 17 novembre 2007

WorldMapper, il mondo in uno sguardo.

Uno dei siti più interessanti che ho visto durante un corso universitario è sicuramente WorldMapper: si tratta di una raccolta di mappe della Terra ad opera dell'Università di Sheffield in cui i territori nazionali vengono ridimensionati secondo diversi parametri di interesse: ovviamente le quantità utilizzate sono moltissime, ci sono 366 mappe diverse suddivise in categorie tematiche.

Spesso la mappa consente di catturare in un colpo d'occhio come funziona l'economia mondiale, in maniera così immediata da risultare a volte stupefacente.

Vediamo qui la mappa del planisfero, da usare come riferimento.



Questa è invece la mappa che mostra i territori proporzionali alla popolazione dei singoli paesi: ovviamente la Cina e l'India spiccano tra tutti, ma è sorprendente anche la grandezza dell'Indonesia e del Giappone rispetto al loro territorio reale, mentre l'Australia è scomparsa.


Per valutare la ricchezza dei singoli paesi è interessante analizzare la mappa del PIL prodotto da ogni nazione: Europa, USA e Giappone dominano incontrastati, mentre l'Africa è scomparsa...


In maniera simile il consumo di energia è concentrato nelle stesse aree.


Invece completamente diversa è la mappa che mostra la percentuale di popolazione che vive in povertà estrema: il valore più alto è in Africa, mentre il Giappone è il più basso.



5 commenti:

Mushin ha detto...

Veramente molto interessante...

maelstrom ha detto...

Già, si possono scoprire delle cose davvero inaspettate...

aL und wd? ha detto...

no,ci siamo. esistiamo e resistiamo. solo non capita troppo spesso di tornare a casa. genova è bella, prende tempo. l'università pure, e non mi spiace affatto.

wd? radiotrentamentreggia più che mai, ma c'è pure lui.

e lei?

V ha detto...

interessanterrimo. davvero.

Almostviola ha detto...

L'importanza dei punti di vista...e anche il planisfero non risulta lo stesso. Molto, molto utile.