sabato 29 dicembre 2007

StackTrace: geek in salsa italica

Nel panorama geek italiano, spesso avaro di eccellenza o addirittura di normalissima competenza, da qualche giorno riluce una nuova figura: si tratta di StackTrace, nuovo "aperiodico di resistenza informatica".
Nato dall'idea di Antonio Cangiano e portato avanti da un folto team, si propone come l'italica alternativa ai grandi blog internazionali in cui i migliori professionisti IT discettano dell'ultimo framework Python o dell'ortogonalità degli operatori dell'ultimo linguaggio.

In particolare, è bello vedere che l'originalità dei contributi è unito ad uno standard qualitativo parecchio elevato: sono davvero tanti gli articoli che si leggono con piacere, specialmente se si è appassionati di programmazione, di ingegneria informatica o semplicemente un po' smanettoni, ma con criterio. E il tutto è condito da una consistente dose di ironia, come rivelano i piccoli episodi a fumetti che compaiono tra gli articoli, nella migliore tradizione di xkcd.

Quindi, cosa state aspettando? Aggiungetelo subito ai vostri feed!

4 commenti:

4nT0 ha detto...

Aggiunto, grazie!!!

Ci voleva prorio: stavo facendo pulizia tra i feed (diversi blog che seguivo sono semimorti) e il mio reader era rimasto abbastanza desolato...

lupino3 ha detto...

Già aggiunto dal primo giorno di pubblicazione (pubblicizzata sulla lista Python-Italia) :)

Ottimo sito, consigliatissimo per tutti gli informatici!

Tra l'altro, se non ho capito male, hanno scritto loro stessi il motore, basandosi su Django.

Da leggere l'approfondimento su Project Euler e sulle closure in JS.

Antonio Cangiano ha detto...

Grazie mille per averci segnalati e per i commenti lusinghieri. :)

Devo però precisare che non si tratta del lavoro di una sola persona. Il sito non sarebbe mai nato, particolarmente in così poco tempo, se non fosse per le abilità tecniche e l'impegno di tutto il team. ;-)

maelstrom ha detto...

Ho corretto il post, mi sembra giusto rendere merito a chi lavora a questo fantastico progetto!