domenica 11 maggio 2008

Travaglio vs. Schifani.

"Esprimo solidarieta' a Marco Travaglio perche' ha fatto semplicemente il suo dovere raccontando quel che sono i fatti. Episodi che non possono essere cambiati o taciuti solo perché, da un giorno all'altro, una persona diventa presidente del Senato oppure, e solo per questo, cancellare con un colpo di spugna la sua storia ed il suo passato"

Antonio Di Pietro


Datemi un passaporto che mi taglio le vene: un post dell'ottimo tchà che condivido in ogni virgola.

Prevedo un nuovo ukase a breve: Santoro e Travaglio sono avvisati.

4 commenti:

Leandro Perrotta ha detto...

Spammo alla grande: http://www.megaronline.org/L-informazione-che-tace.html

Secondo me è un'analisi lucida e realistica della situazione, l'ha scritta il mio amico Pirru, dacci un'occhiata ;-)

maelstrom ha detto...

Beh è un po' la solita domanda: ma alla fine, Schifani, l'aranciata l'aveva pagata??

:-D

In effetti nessuno che si curi di dire se quanto ha detto Travaglio è falso o vero: nel primo caso, allora Travaglio è un imbroglione, nel secondo, purtroppo, siamo messi molto male.

Almostviola ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Almostviola ha detto...

Appunto, non si cerca più la verità, siamo ormai alle intimidazioni, alle limitazioni della libertà di parola..cose tipiche di un...ehm...come si chiama...come posso definirlo...vabbè, forse è meglio che non dica niente o ti oscureranno il blog se non ti scusi per avermi dato modo di scriverci!