domenica 4 maggio 2008

Non si sevizia un paperino.

Probabilmente "Non si sevizia un paperino" è il film migliore del compianto regista italiano Lucio Fulci, e probabilmente uno dei migliori thriller italiani di sempre.

Un cast eccezionale: Barbara Bouchet, Thomas Milian, Florinda Bolkan, Irene Papas. Ma a dominare ogni cosa è il genio del maestro, capace di un'acuta riflessione sulla società popolare italiana degli anni '70, alla ricerca di una terra di contrasti acuti e mai risolti, che scatenano una scia di eventi cruenti.

A dirla breve: in un paesino del sud Italia tre bambini vengono crudelmente uccisi. L'assassino misterioso è chiaramente della zona, ma nessuno riesce a scoprirlo. Un giornalista di cronaca nera si appassiona al caso e si affianca ai Carabinieri che cercano di risolverlo. Ma probabilmente è anche un film famoso per l'efferatezza di alcune scene, che rendono di fatto Fulci uno splendido interprete del genere splatter/gore, amato persino da Tarantino.

Un capolavoro, un maestro incompreso.

2 commenti:

tchà. ha detto...

Mitica Florinda Bolkan! Indimenticata femme fatale di Indagine su di un cittadino al di sopra di ogni sospetto!

maelstrom ha detto...

Grandissimo anche quel film, ma ho voluto discutere di questa perla di Fulci proprio perchè immeritatamente poco conosciuta.

Ad esempio, tu l'hai visto?

:-P