giovedì 17 gennaio 2008

Il potere d'acquisto e gli arancini.

Pochi si sorprendono leggendo che in Italia si è ormai poveri al nord e ricchi al sud: infatti il costo della vita è spaventosamente differente nelle due parti del paese e se una famiglia riesce a vivere dignitosamente a Cosenza senza negarsi qualche piccolo lusso, una famiglia con gli stessi soldi a Mantova non può far altro che barcamenarsi con le offerte speciali al discount e i saldi per l'abbigliamento.

Ma il risvolto più bello, e di cui ho avuto una tremenda esperienza diretta è che

"con 7 euro a Trento si compra un panino piccolo e un caffè, a Milano un panino e una bottiglietta d'acqua, a Firenze un primo senza bibita, a Roma due tramezzini e un caffè, a Napoli una pizza e una birra piccola, a Palermo due arancini, una coca cola, un cannolo e un caffè."


A volte si sta meglio dove si sta peggio.

E poi gli arancini a Catania sono sublimi.

8 commenti:

Lario3 ha detto...

Gli arancini sono vita :-D

Grazie mille per il commento, CIAO!!!

belgapalermitanoepazzo ha detto...

quando vivevo a Palermo, avevo 100 euros in meno al mese rispetto a ora che vivo a Roma.
A Palermo ho vissuto piu che bene mentre a Roma sto sempre a attentissimo che altrimenti a fine mese non ci arrivo...

Francesco ha detto...

Non per fare il palloso...però il reddito pro capite al Nord è notevolmente maggiore che al Sud e i prezzi espressi in moneta sono semplicemente dei numerari privi di valore in sè. Sfortunatamente fare i calcoli sulla reale "ricchezza" è un compito molto ma molto complicato. Sicuramente un dipendente con contratto nazionaleo è più povero al Nord.
Al di là di tutto a Milano non si trovano arancini decenti neanche a pagarli 10 euro.

Ciao!

maelstrom ha detto...

Beh qui si parlava di economia tangibile, che a volte è molto lontana da alcuni modelli che si studiano.. e poi, come hai detto tu, a Milano non riesci a trovare da nessuna parte gli arancini siciliani...!

Almostviola ha detto...

Per non parlare della mitica trattoria in Piazza Borgo che prevede il pranzo completo a base di pesce con 11 euro!

Van der Blogger ha detto...

Concordo sugli arancini in pieno... che buoni.

Ho deciso, apro un'arancineria siciliana a Milano!

Ciao

4nT0 ha detto...

W gli arancini, il cannolo e il caffé.

Non puoi esportarli fuori dalla Sicilia. Mangiare un arancino a Milano sarebbe come fare surf in una piscina.

Sarebbe sicuramente meglio per noi siciliani importare modelli positivi e scrollarci di dosso i macigni che ci portiamo avanti da troppo tempo, piuttosto che esportare i nostri pregi, come la gastronomia.

E che sogno se un giorno si potesse dire che si sta meglio dove si sta meglio: vivere felicemente a Catania e non negarsi nessun arancino.

roberta ha detto...

è la solita nostra piccola consolazione. basterà?

viva gli arancini anyway!