giovedì 31 gennaio 2008

Ci hanno proprio preso tutto.

Ieri sera Marco Travaglio ha presentato qui a Catania il suo ultimo libro "Mani sporche": l'incontro si è tenuto nella chiesa di SS. Pietro e Paolo e ha visto una consistente partecipazione di gente, che stipava la chiesa fino alle porte d'ingresso.

L'ironia che contraddistingue Travaglio non è sufficiente a rendere meno amari i tremendi fatti che racconta, relativi ad un'Italia tremendamente invischiata e intrappolata da un sentire comune fatto di bieca illegalità, di consumato menefreghismo, di smisurata arroganza nell'esercizio del potere.

Un dipinto molto amaro e triste di una società che non riesce a scrollarsi di dosso tutti i malcostumi inveterati che ne ingabbiano le potenzialità. E' talmente triste pensare che alcuni atteggiamenti sono diventati così comuni da non suscitare più alcuna sorpresa, alcuna indignazione nel cittadino.

Ma una cosa è certa: ogni società ha i governanti che si merita.

E penso proprio che sia profondamente e pericolosamente vero.

Ci hanno proprio preso tutto.

6 commenti:

4nT0 ha detto...

> Ci hanno proprio preso tutto.

Riverberi degli Offlaga Disco Pax? :D

Almostviola ha detto...

Proprio tutto ancora no...
abbiamo ancora una coscienza critica per giudicarli e disprezzarli, intelligenza per non votarli e, se proprio si mette male, due gambe per andar via...avranno vinto loro, ma non del tutto.

maelstrom ha detto...

Esatto, sono proprio riverberi offlaghiani :)

Lario3 ha detto...

Bravo Travaglio :-D

Grazie mille per il commento, CIAO!!!

Mushin ha detto...

Peccato non esserci potuto venire...

bebo ha detto...

Ricordo mi fece una bella impressione quando vidi la presentazione del suo libro precedente con Gomez. Negli ultimi anni è diventato un po' troppo distruttivo per i miei gusti, segnalare un problema è un'arte nobile e grande stima per chi si impegna in tal proposito, credo tuttavia che la propria grandezza sia misurabile anche in cosa e come si propone per correggere "l'errore" segnalato.